Chi siamo & Statuto

L’associazione TerradiConfine è un associazione socio-politico culturale di carattere giovanile di stampo apartitico.

Nel tempo delle giovanili di partito sciolte e nella fuga dei giovani dalle parrocchie “TerradiConfine” si propone come terzo interlocutore nella vita sociale dei giovani del quartiere di Ponticelli. L’ intento associazionistico che accomuna tutti i soci della suddetta è la volontà con piccoli gesti di migliorare la vita del quartiere riprendendo il concetto di Politica inteso come bene della polis attraverso l’attività sociale e culturale che spesso è trascurata nella periferia est del territorio napoletano.

Convinti che la semplice integrazione tra i giovani accomunata da una libera informazione e da un attività costante sul territorio sia motivo di cambiamento in un quartiere come quello di Ponticelli, abbiamo deciso di intraprendere questo nuovo cammino associazionistico.

L’associazione ha inaugurato la propria attività nel marzo 2008 con l’apertura di un blog e di una rete telematica con cui diffondere notizie relative al territorio e agli interessi della fascia giovanile e non solo di Ponticelli. Abbiamo denunciato le condizioni incresciose in cui il nostro territorio vive trovando nel riscontro mediatico una nostra peculiarità.

Abbiamo partecipato a maggio e giugno del 2008 alla rete delle associazioni del Social Fest, convinti della forza di una rete associazionistica e di una solidarietà crescente, nelle Domeniche in Piazza contribuendo con animazione per i bambini, sondaggio informativo sui problemi di Ponticelli ed un concorso di poesie dedicato ai giovani sul tema del Confine. Come è manifestato dal nostro nome crediamo nella periferia non come rigetto della società e del centro ma come terra di confine tra le esperienze culturali del centro e del hinterland napoletano con una propria identità ben definita.

Roberto Zabberoni

Presidente Ass. TerradiConfine

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCIO-POLITICO CULTURALE “TerradiConfine”

Art.1 – Denominazione e caratteri generali

E’ costituita in via A. C. De Meis 231, Napoli l’ Associazione socio-politico culturale denominata “TerradiConfine” .

L’Associazione ha come scopo la promozione di attività e progetti in ambito sociale, politico e culturale, con particolare attenzione alle tematiche giovanili.

L’ Associazione nasce dall’esigenza di promuovere lo sviluppo della periferia orientale di Napoli, e di promuoverne il ruolo di tramite tra la città ed il territorio circostante.

L’Associazione non persegue fini di lucro (No- Profit) e non è pertanto consentita la distribuzione anche indiretta di utili o di avanzi di gestione, eventuali avanzi di gestione saranno utilizzati esclusivamente per il conseguimento di fini istituzionali.

Durante la vita dell’ Associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto, avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale.

L’ adesione ad essa è libera, che il funzionamento della stessa è basato sulla volontà democraticamente espressa dai soci e che le cariche sociali sono elettive

E’ caratterizzata altresì dalla democraticità della struttura, dall’elettività e gratuità delle cariche associative e dalle prestazioni fornite dagli associati.

L’ Associazione è di carattere apartitico.

L’ Associazione in quanto forma di autorganizzazione dei cittadini, esprime in pieno la propria autonoma soggettività politica interloquendo direttamente, in forza del suo agire sociale, con tutti gli altri soggetti della società.

L’Associazione è ispirata al principio della democrazia, alla tutela, alla salvaguardia, e alla valorizzazione del proprio patrimonio associativo, che costituiscono gli elementi fondanti dell’ Associazione stessa.

L’ Associazione sostiene e tutela l’autorganizzazione dei cittadini in quanto pratica fondamentale di democrazia e concreta risposta ai bisogni delle comunità.

L’ Associazione sostiene l’idea di uno stato sociale che sappia valorizzare la partecipazione dei cittadini, il principio di sussidiarietà inteso come condivisione delle responsabilità, il ruolo dell’associazionismo di promozione sociale e del terzo settore.

Art.2 – Scopi

L’Associazione si propone di:

a)    promuovere la diffusione della cultura e dell’arte in tutte le sue forme, tramite l’organizzazione di manifestazioni, laboratori, rassegne, dibattiti, mostre, e qualunque altra attività di promozione culturale diffusa nonché attraverso la valorizzazione di luoghi e spazi che consentano la socializzazione e la libera fruizione dei mezzi di diffusione della cultura;

b)    essere un punto di riferimento per la risoluzione delle problematiche giovanili con specifica attenzione all’istruzione,alla valorizzazione dei mezzi di espressione giovanili, allo sport dilettantistico;

c)    prendere parte attiva in un processo di educazione alla responsabilità civile ed alla cittadinanza attiva;

d)    promuovere attività sportive e ricreative attraverso l’ organizzazione di occasioni ludiche, sportive, e di socialità;

e)    affermare la cultura della legalità e la lotta alle mafie, alla criminalità organizzata e agli abusi di potere;

f)    impegnarsi nella tutela dei diritti civili, con particolare attenzione alla tutela dei diritti dei minori, dei giovani e degli anziani;

g)    impegnarsi nell’assistenza sociale e socio-sanitaria;

h)    promuovere politiche di sostegno delle persone diversamente abili;

i)     valorizzare il patrimonio ambientale ed artistico del territorio;

j)     farsi portavoce di una cultura dell’integrazione, promuovendo dialogo e scambi culturali con le minoranze etniche, linguistiche e religiose e favorendo la progettazione di una società aperta e multiculturale, che individui nell’immigrazione e nell’intercultura una risorsa per la comunità;

k)    diffondere la cultura non violenta e pacifista ricercando la soluzione non violenta dei conflitti di ogni natura;

l)     diffondere la cultura della convivenza civile e delle pari opportunità, combattendo in ogni campo fenomeni come il razzismo, l’intolleranza, il disagio sociale e l’emarginazione;

m)  difendere e salvaguardare la natura e l’ ambiente;

n)    promuovere il volontariato e la beneficenza intesi come partecipazione democratica alle azioni di solidarietà;

  • o)    collaborare con Enti e Istituzioni che condividano i valori e le finalità dell’Associazione;

p)    farsi portavoce presso le Istituzioni delle esigenze e delle problematiche della cittadinanza.

In generale tutti i campi in cui si manifestino esperienze sociali, politiche, e culturali di tipo formativo e ricreativo sono settori di intervento della Associazione.

Art. 3 – Durata

La durata dell’associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’assemblea straordinaria degli associati.

Art. 4 – Domanda d’ammissione

Possono aderire all’ Associazione, associazioni e cittadini che si riconoscono ed accettano le regole dello Statuto.

Sono soci tutti coloro che partecipano alle attività sociali, previa iscrizione alla stessa.

E’ espressamente escluso ogni limite sia temporale sia operativo al rapporto associativo medesimo e ai diritti che ne derivano.

Tutti coloro i quali intendono far parte dell’associazione, dovranno redigere una domanda su apposito modulo.

La validità della qualità di socio efficacemente conseguita all’atto di presentazione della domanda d’ammissione è subordinata all’accoglimento della domanda stessa da parte del Consiglio il cui giudizio deve sempre essere motivato e ratificato dall’ Assemblea Generale dei Soci.

Lo status di Socio, una volta acquisito, ha carattere permanente e può venir meno solo nei casi previsti dal successivo art. 6.

Art. 5 – Diritti e doveri dei soci

Tutti i soci godono, al momento dell’ammissione, del diritto di partecipazione nelle assemblee sociali e dell’elettorato attivo e passivo.

La qualifica di socio dà diritto a frequentare le iniziative indette dall’ Associazione e la sede sociale.

Gli associati hanno diritto a:

  • concorrere all’elaborazione del programma e partecipare alle attività promosse dall’Associazione;
  • approvare il Bilancio preventivo ed il Rendiconto economico e finanziario, o il bilancio consuntivo dell’Associazione;
  • eleggere gli organismi sociali, ed essere eletti negli stessi.

Gli associati sono tenuti a:

  • osservare lo statuto, i regolamenti, le delibere degli organi sociali;
  • versare alle scadenze stabilite le quote sociali decise dagli organi sociali;

La quota sociale rappresenta unicamente un versamento periodico vincolante a sostegno economico dell’associazione, non costituisce pertanto in alcun modo titolo di proprietà o di partecipazione a proventi, non è in nessun caso rimborsabile o trasmissibile.

Art. 6 – Decadenza della qualifica di socio

I soci cessano di appartenere all’associazione nei seguenti casi:

  • Decesso del socio o di scioglimento dell’associazione;
  • Radiazione deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio; pronunciata contro il socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori l’associazione, o che, con la sua condotta, costituisce ostacolo al buon andamento del sodalizio.
  • Dimissione volontaria;
  • Morosità protrattasi per un periodo tale da essere considerato oggetto di radiazione;
  • Diffamazione nei confronti dell’ associazione;
  • Divulgazione di informazioni riservate dell’ associazione;
  • Condanna penale in via definitiva;
  • Assenze immotivate tali da nuocere il buon andamento del sodalizio;
  • Falsificazione di atti personali e dell’associazione;

Il provvedimento di radiazione assunto dal Consiglio deve essere ratificato dall’assemblea ordinaria. Nel corso di tale assemblea, alla quale deve essere convocato il socio interessato, si procederà in contraddittorio con l’interessato ad una disamina degli addebiti. Il provvedimento di radiazione rimane sospeso fino alla data di svolgimento dell’assemblea. L’associato radiato non può essere più ammesso.

Art. 7 – Gli organismi sociali

Gli organismi sociali sono:

  • L’ Assemblea generale dei soci
  • Il Consiglio
  • Il Presidente

Art. 8 – L’ Assemblea generale dei soci

L’assemblea generale dei soci è il massimo organismo deliberativo dell’associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.

Essa ha il compito di:

  • Giudicare la domanda di ammissione all’ Associazione;
  • Discutere ed approvare il programma generale dell’ Associazione;
  • Discutere ed approvare i Regolamenti;
  • Discutere ed approvare le proposte di modifica dello statuto;
  • Discutere e approvare il programma annuale di attività;
  • Discutere ed approvare il Bilancio Preventivo e il rendiconto economico e finanziario (o l’eventuale bilancio consuntivo) nonché eventuali variazioni di bilancio;
  • Discutere ed approvare il piano di Tesseramento sociale annuale;
  • Eleggere il Presidente;
  • Eleggere il Consiglio.

Quando è regolarmente convocata e costituita rappresenta l’universalità degli associati e le deliberazioni da essa legittimamente adottate obbligano tutti gli associati, anche se non intervenuti o dissenzienti.

La convocazione dell’ Assemblea Generale dei Soci è compito del Consiglio.

La convocazione dell’assemblea ordinaria potrà essere richiesta al Consiglio da almeno un terzo degli associati in regola con il pagamento delle quote associative all’atto della richiesta che ne propongono l’ordine del giorno. In tal caso la convocazione è atto dovuto da parte del Consiglio.

L’assemblea dovrà essere convocata presso la sede dell’associazione o, comunque, in luogo idoneo a garantire la massima partecipazione degli associati.

L’assemblea deve essere convocata, a cura del Consiglio, almeno una volta all’anno entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale per l’approvazione del rendiconto economico e finanziario e per l’esame del bilancio preventivo.

Le assemblee sono presiedute dal Presidente.

L’assemblea nomina un segretario e, se necessario, due scrutatori.

Il Presidente dirige e regola le discussioni e stabilisce le modalità e l’ordine delle votazioni.

Di ogni assemblea si dovrà redigere apposito verbale firmato dal Presidente della stessa, dal Segretario, e se nominati due scrutatori. Copia dello stesso deve essere messo a disposizione di tutti gli associati.

Il carattere sociale dell’ Assemblea è di tipo deliberativo.

Art. 9 – Assemblea straordinaria

L’assemblea straordinaria deve essere convocata dal consiglio direttivo almeno 15 giorni prima dell’adunanza. L’ assemblea straordinaria delibera solo sulle seguenti materie: approvazione e modificazione dello statuto sociale; scioglimento dell’associazione.

Art. 10 – Validità assemblare

L’assemblea ordinaria è validamente costituita con la presenza della maggioranza assoluta degli associati aventi diritto di voto e delibera validamente con voto favorevole della maggioranza dei presenti. Ogni socio ha diritto ad un voto.

L’assemblea straordinaria è validamente costituita quando sono presenti due terzi degli associati aventi diritto di voto e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Art. 11 – Diritti di partecipazione

Potranno prendere parte alle assemblee ordinarie e straordinarie dell’associazione i soli soci in regola con il versamento della quota associativa. Ogni socio può rappresentare in assemblea e nel Consiglio, per mezzo di delega scritta, non più di un associato.

La delega scritta deve essere conforme ai specifici punti all’ordine del giorno preposti nella convocazione degli organismi sociali.

Art.12 – Il Presidente

Il Presidente rappresenta ed esprime l’unità dell’Associazione e ne esercita il coordinamento politico ed organizzativo. Dirige l’ Associazione per delega dell’ Assemblea Generale dei Soci.

Al Presidente spetta la firma sociale; detiene la rappresentanza legale dell’Associazione e la rappresenta  anche in giudizio e verso i terzi. E’ membro di diritto del Consiglio.

Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo.

In caso di prolungata assenza o impedimento del Presidente, i poteri di ordinaria amministrazione e la legale rappresentanza  sono conferiti al vice Presidente fino alla nuova elezione del Presidente.

La carica di Presidente e di Vicepresidente dell’ Associazione è incompatibile con cariche politiche ed istituzionali.

Art. 13 – Il Consiglio

Il Consiglio è composto da un numero massimo di sette membri e nel proprio ambito nomina il vice presidente e nell’ambito dell’ associazione, tra i soci non facenti parte del Consiglio, il Segretario ed il Tesoriere. Il Consiglio rimane in carica due anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza . Possono ricoprire cariche sociali solo i soci maggiorenni.

Il Consiglio è validamente costituito con la presenza della maggioranza dei consiglieri in carica e delibera validamente con il voto favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parità la delibera è rinviata al seguente Consiglio, in caso di rinnovata parità il voto del Presidente è determinante.

Le deliberazioni del consiglio, per la loro validità, devono risultare da un verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario e messo a disposizione di tutti gli associati.

Il Consiglio viene convocato dal Presidente oppure sotto richiesta di tre Consiglieri.

Ha il compito di:

  • Giudicare la domanda di ammissione all’ Associazione;
  • Eleggere il vice Presidente, il Segretario, il Tesoriere;
  • Redigere il programma generale dell’ Associazione;
  • Redigere i Regolamenti;
  • Redigere le proposte di modifica dello statuto;
  • Redigere il programma annuale di attività;
  • Redigere il Bilancio Preventivo e il rendiconto economico e finanziario (o l’eventuale bilancio consuntivo) nonché eventuali variazioni di bilancio;
  • Redigere il piano di Tesseramento sociale annuale;
  • Convocare l’ Assemblea Generale dei Soci.

Il carattere sociale del Consiglio è di tipo propositivo.

Art. 14 – Il Segretario

Il Segretario del Consiglio redige i verbali delle riunioni, attende alla corrispondenza, cura l’amministrazione dell’Associazione e si incarica della tenuta dei libri contabili.

Art. 15 – Il Tesoriere

Il Tesoriere dell’ Associazione si incarica delle riscossioni e dei pagamenti da effettuarsi previo mandato del Consiglio.

Art.16 – Elezione organismi sociali

L’elezione degli organismi sociali ad ogni livello avviene di norma a scrutinio segreto, salvo diversa decisione presa a maggioranza degli aventi diritto.

Art. 17 – Anno Sociale

L’anno sociale e l’esercizio finanziario iniziano il 1°Gennaio e terminano il 31 Dicembre di ciascun anno.

Il primo anno sociale avrà inizio dal giorno di registrazione dell’ Associazione e terminerà il 31 Dicembre dell’anno 2008.

Art. 18 – Patrimonio

I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative determinate annualmente dagli organi sociali, dai contributi di enti ed associazioni, da lasciti e donazioni, dai proventi derivanti dalle attività organizzate dalla Associazione.

Art. 19 – Scioglimento

Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea generale dei soci, convocata in seduta straordinaria, con l’approvazione, di almeno 4/5 dei soci esprimenti il solo voto personale, con esclusione delle deleghe. Così pure la richiesta dell’assemblea generale straordinaria da parte dei soci aventi per oggetto lo scioglimento dell’Associazione deve essere presentata da almeno 4/5 dei soci con diritto di voto, con l’esclusione delle deleghe.

L’assemblea, all’atto di scioglimento dell’associazione, delibererà, in merito alla destinazione dell’eventuale residuo attivo del patrimonio dell’associazione. La destinazione del patrimonio residuo avverrà a favore di altra associazione che persegue finalità analoghe, fatta salva diversa destinazione imposta dalla legge.

Art 20 – Norme finali e transitorie

Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto valgono le norme vigenti in materia.

Annunci

4 responses

14 07 2008
Agostino Navarro

Caro Roberto,
Cari amici e compagni di Terra di Confine,

innanzitutto vorrei complimentarmi per la nascita di questo blog nonostante sia davvero cosciente che tale complimento possa risultare non solo patrimonio della retorica ma assolutamente “fuori tempo”.

Pongo elevata attenzione ed alla stessa stregua profonda ammirazione per il “fermento” che state ponendo in essere. Un “fermento” che può risultare rinvenibile senza alcuno sforzo eccessivo ed in maniera alquanto emblematica nell’ottima riuscita della festa di venerdì scorso in via De Meis.

Conoscendo una discreta parte delle individualità che formano la vostra Associazione (senza correre il rischio di degenerare in adulante ostentazione) mi permetto di osare una semplice valutazione sulla potenziale capacità di elaborazione politica e di aggregazione sociale che potete esprimere in un territorio difficile, e davvero “di confine”, come quello di Ponticelli dove sia per il contesto sociale che per quello politico risulta sempre più d’uopo e dirimente un innesto di rinnovamento nel “merito” e soprattutto in quell’entusiasmo da intendere oggi come unico “metodo” per uscire dalla rassegnazione e dalla stagnazione, come unico “metodo” col quale catalizzare e col quale profondere, con cui contaminare e lasciarsi contaminare nell’azione e nel confronto politico quotidiano.

Quando parlo di entusiasmo da intendere come “metodo” mi riferisco a quell’elemento basilare sul quale fondare la realizzazione di tutte quelle cose che ci siamo sempre detti, tutte quelle cose concernenti in linea di massima il contributo che ognuno (con le proprie capacità ed i propri meriti) deve destinare alla realizzazione di un’unica grande e credibile alternativa al costume ed ai comportamenti di una politica sin troppo distante oggi dai concreti problemi del paese, dalle reali esigenze e dalle difficoltà quotidiane che il soggetto generazionale giovanile incontra.

C’è bisogno di cambiare, “we can change” dice Obama, con la consapevolezza che non c’è nessun tipo di cambiamento che però non passi, pagando il giusto dazio, attraverso il rinnovamento di forma e di sostanza.

“Terra di Confine” (ed il confine è qualcosa che delimitando due entità porta intrinsecamente l’idea di qualcosa che è di “mezzo”) può svolgere un compito importantissimo se sarà sia capace di fungere da recettore diretto di istanze collettive e generazionali e sia da propulsore di proposta politica nei livelli istituzionali municipali o magari comunali… un “mezzo” tra la l’esigenza di chi è rapprensentato e la proposta di chi rappresenta, un “mezzo” tra il problema e lo status quo e la soluzione e quindi il cambiamento.

Buon lavoro.

Agostino Navarro – Volla

30 07 2008
marco

Ho visto il vostro sito sembra interessante,finalmente qualcuno pensa in positivo.
Se permettete, vorrei suggerire un’idea che può dare maggiore trasparenza alle buone intenzioni, nel migliorare la qualità di vita di un ex paese.
Perchè non collegare tutti i siti e blog che parlino posivamente di ciò che avviene a Ponticelli e della sua storia, degli uomini e donne che hanno dato lustro.
grazie
ciao Marco

30 07 2008
Gaetano Pietropaolo

Cari Amici di TerradiConfine,

scrivo per chiedervi se siete interessati ad uno scambio di link o banner tra i nostri siti. Qualora foste inoltre interessati a forme di collaborazione più strette sarebbe naturalmente un piacere.

Vi scrivo a nome de “l’Altro Sud – Unione democratica del Sud”, un movimento politico culturale che opera da poco più di 2 mesi, nato nel laboratorio politico dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli ( Scuola di Politica Guido Dorso). L’obiettivo è quello di dare voce e rappresentanza alla parte sana della società civile meridionale di cui voi siete sicuramente degnissimi rappresentanti e che, oggi più che mai, è necessario unire ed organizzare.

Non mi dilungo troppo in questa sede, dal sito potrete trovare tutte le informazioni utili a capire qual è la nostra mission. Siamo inoltre disponibili per qualsiasi chiarimento.

Complimenti per tutto quello che fate. Aspetto notizie sulla e mail che vi ho indicato.

Gaetano Pietropaolo

l’Altro Sud – Uds

http://www.laltrosud.it

7 08 2008
Roberto Zabberoni

Caro Marco,
data la partecipazione della nostra associazione al Social Fest ci occuperemo della realizzazione del sito del Social Fest che descriverà le attività delle tante associazioni presenti sul territorio e che proverà a dare uno sguardo anche positivo ma principalmente obiettivo di quello che Ponticelli offre.
Ho dato un occhiata al tuo Spaces, qualora fossi interessato nel darci una mano nella preparazione del blog suddetto ne saremo ben lieti, puoi contattarci all’indirizzo email dell’associazione terradiconfine@live.it (anche contatto Msn).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: